Neon Genesis Evangelion: The End of Evangelion

Neon Genesis Evangelion: The End of Evangelion ★★★★★

La depressione è atroce, a volte insopportabile. È un continuo 'non fare', 'non reagire'. Ti paralizza su un letto e ti costringe a guardare il soffitto per un'intera giornata, facendoti odiare per questo. È un qualcosa che ti toglie il tempo, a volte anche la vita. Ti fa sperare in un'improvvisa fine del mondo, in un'apocalisse che possa assumersi il compito di fare ciò che tu temi di accarezzare in segreto. È costrittorio, è morte ancora prima di essere tale. Odiare la propria immagine non è facile, detestare quella degli altri molto di più. Convivere con tutto questo poi, giornalmente parlando, non è tanto dissimile ad una prigionia coatta e opere come quelle di Evangelion sono una sorta di cura.

Grazie per tutto questo Hideaki Anno.