Favorite films

Recent activity

All

Recent reviews

More
  • The Rules of the Game

    The Rules of the Game

    ★★★½

    This review may contain spoilers. I can handle the truth.

    Brillante amalgama delle maschere sociali che fonde nobiltà e servitù senza moralismi e banalità.

    L'uomo è subdolo e teatrale, non sa mai cosa vuole veramente ed è a tutti gli effetti un bambino impuro che fa i capricci quando qualcosa non ce l'ha.

    Gli intrighi amorosi che fanno parte del Gioco alla base del film rispecchiano in pieno la paradossalità, ma allo stesso tempo l'accettazione ad un mondo sempre più cinico ed egoista.

    Ho apprezzato enormemente come i personaggi si…

  • Millennium Actress

    Millennium Actress

    ★★★★

    Messa in scena che viaggia nel tempo con fluidità incredibile e scenografie che disegnano tutta la storia del Giappone, assenza di stacchi prepotenti nonostante la sua essenza rappresenti il continuo cambiamento, meta-meta cinema allo stato puro nonchè vero e proprio tributo allo stesso.
    Satoshi Kon si immedesima nei personaggi che fanno da cameraman alla protagonista inseguendola dappertutto, dando anima e cuore per sorreggerne passione e sogni.
    Come in Perfect Blue la finzione scenica e il ruolo dell'attore creano possibilità per chicche strizzacervello e perle artistiche che solo la più elevata animazione giapponese può regalare.

Popular reviews

More
  • Investigation of a Citizen Above Suspicion

    Investigation of a Citizen Above Suspicion

    ★★★★★

    Volontè > Padre Eterno

    Critica ferocissima e rivoluzionaria al potere. Eleganza maestosa.
    Elio Petri e il lampo di genio che da vita ad una pacata e umile opinione, che ai tempi fece non poco scalpore e polemiche politiche.

    Il capo di Polizia della squadra omicidi (Gian Maria Volontè) è un uomo che senza accorgersene è in preda ad un caos interiore.
    Sia della propria persona che dei suoi poteri autoritari. Rispettatissima figura all'interno della caserma che con estrema arroganza e retorica…

  • The Room

    The Room

    La sofferenza più grande della mia carriera da cinefilo, senza dubbio.
    Crampi allucinanti allo stomaco durante e post visione (non è un modo di dire..)
    3 birre da 66cl ordinate subito dopo per dimenticare, almeno un po'.

    Sarebbe facile insultare quest'opera per il suo essere non solo inutile ma addirittura dannosa.

    Sarebbe altrettanto facile fare ironia e trovare qualità filosofiche nascoste come:
    - La vita è così, ti fa stare male. Persino un film può farti star male.
    - La…